Formazione a 30 anni dalla Convenzione dei diritti dell’infanzia

La divisione dei Servizi Educativi della Città di Torino a trent’anni dalla stipula della Convenzione Internazionale sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza organizza una pluralità di incontri di formazione che avranno luogo all’interno di differenti istituzioni cittadine.L’anniversario del documento sarà Mercoledì 20 Novembre di quest’anno .

La Convenzione , approvata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite  rappresenta una sintesi del pensiero contemporaneo sull’infanzia che è  modificabile, in quanto deve essere  aperta a raccogliere nuove sfide. Questo testo è fondamentale, per comprendere la sua portata innovativa basti pensare che sono cento novantasei  gli Stati che hanno ratificato i suoi cinquantaquattro articoli. Il prodotto testuale in questione è rivoluzionario nei suoi contenuti, in quanto si incentra sul costrutto di “bambino quale soggetto di Diritto”. Questa prospettiva si  differenzia radicalmente da quella in cui il futuro adulto è oggetto di protezione da parte dell’ordinamento . In termini giuridici  I bambini e le bambine diventano  parte integrante del panorama  internazionale. Occuparsi a pieno titolo ed in modo corretto di infanzia significa avere una precisa attenzione per i soggetti che diventano  adulti di riferimento per i bambini .

Gli  incontri formativi che l’Assessorato ai Servizi Educativi della città di Torino organizza vogliono porre attenzione sul fatto che se l’infanzia è una fascia d’età in  cui componenti sono gli attori principali delle azioni che li vedono protagonisti, i genitori devono essere responsabilizzanti  quando svolgono il fondamentale ruolo educativo. Gli incontri occuperanno all’incirca  la prima metà di novembre  ed avranno ad oggetto temi come inclusività urbana, arte, salute ed alimentazione.     Il ciclo formativo in questione è gratuito previa iscrizione.

Niccolò Ghirardi